DIBATTITO DI POLITICA SANITARIA – LE PATOLOGIE INFIAMMATORIE DI TIPO 2: IMPATTI, STRATEGIE, VALORE ECONOMICO

DIBATTITO DI POLITICA SANITARIA – LE PATOLOGIE INFIAMMATORIE DI TIPO 2: IMPATTI, STRATEGIE, VALORE ECONOMICO

0,00

Dibattito di Politica Sanitaria – NO ECM

Martedì 23 Aprile 2024 dalle ore 11:00 alle ore 13:00

Palazzo della Regione Lazio – Sala Green – via C. Colombo, 212

Esaurito

PROGRAMMA

DIBATTITO DI POLITICA SANITARIA

Martedì 23 Aprile dalle 11:00 alle 13:00 presso Regione Lazio – Sala Green – Via C. Colombo 212 (RM)

Con il patrocinio di:

Promosso da:

Con il contributo incondizionato di:

sanit logo

Con il patrocinio di:

Promosso da:

Con il contributo incondizionato di:

logo legal

RAZIONALE

Le patologie infiammatorie di Tipo 2 rappresentano un crescente problema di salute pubblica con notevoli impatti sulla società, sia dal punto di vista sanitario che economico. Queste condizioni coinvolgono un’eccessiva risposta infiammatoria dell’organismo, spesso associata a disfunzioni del sistema immunitario e del metabolismo. Quando il corpo rileva determinati tipi di infezione reagisce inviando le cellule immunitarie di tipo 2 che vanno a combattere gli intrusi scatenando un’infiammazione che, a sua volta, scatena altre complicazioni note come comorbidità (es. poliposi nasale, rinite allergica, allergie alimentari, esofagite eosinofila,
dermatite atopica).

L’impatto di queste patologie è estremamente significativo. In termini di salute, influenzano la qualità della vita dei pazienti, causando sintomi invalidanti, riduzione della mobilità e aumento del rischio di complicazioni gravi che richiedono un costante monitoraggio e gestione clinica, spesso implicando trattamenti a lungo termine e frequenti controlli medici. Dal punto di vista economico, le patologie infiammatorie di Tipo 2 generano considerevoli costi diretti e indiretti per il sistema sanitario, le famiglie e la società nel suo complesso. I costi diretti includono quelli legati alle cure mediche, alle terapie farmacologiche e agli interventi chirurgici necessari per gestire le complicazioni associate a queste malattie. 

I costi indiretti derivano dalla perdita di produttività lavorativa a causa dell’assenza dal lavoro e dei costi aggiuntivi per l’assistenza informale fornita dai familiari dei pazienti. Affrontare in modo efficace le patologie infiammatorie di Tipo 2 richiede un approccio multidisciplinare che coinvolge la ricerca scientifica, la pratica clinica, la prevenzione e la gestione delle malattie croniche. Le strategie terapeutiche devono mirare non solo a controllare l’infiammazione e a migliorare i sintomi, ma anche a intervenire sulle cause sottostanti delle patologie, come il controllo del peso corporeo, la gestione dello stress, la promozione dell’attività fisica e la modifica delle abitudini alimentari.

Investire nella ricerca e nello sviluppo di nuove terapie e approcci diagnostici più efficaci è fondamentale per migliorare gli esiti clinici dei pazienti, ridurre i costi sanitari e migliorare la qualità della vita delle persone affette da queste patologie. Inoltre, educare i pazienti, i professionisti sanitari e il pubblico in generale sull’importanza della prevenzione, della diagnosi precoce e della gestione integrata delle patologie infiammatorie di Tipo 2 è essenziale per ridurre il loro impatto sociale ed economico a lungo termine.

PROGRAMMA

Responsabile Scientifico:

Aldo Morrone – Direttore Scientifico IISMAS – Istituto Internazionale Scienze Mediche, Antropologiche e Sociali

Modera:

Fabio Mazzeo – Giornalista, Consulente presso l’ufficio stampa di Agenas – Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, già Coordinatore dell’Ufficio Stampa e Comunicazione di AIFA – Agenzia Italiana del Farmaco

Intervengono:

Eugenio De Corso Dirigente Medico presso UOC Otorinolaringoiatria Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Fabio De Lillo Responsabile Coordinamento attività strategiche spesa farmaceutica Regione Lazio

Federico Spadonaro – Docente Health Economics Università Tor Vergata di Roma e Presidente del Comitato Scientifico C.R.E.A. Sanità)

Ketty Peris Direttrice UOC Dermatologia Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Maria Grazia Celeste – Direttrice UOC Farmacia Ospedaliera Policlinico Tor Vergata, Roma

Marzia Mensurati – Dirigente Area Farmaci e Dispositivi Regione Lazio

Paola Rogliani Presidente eletta della Società Italiana Pneumologia

Salvatore Oliva Specialista in Pediatria e perfezionato in Gastroenterologia Pediatrica ed Endoscopia Digestiva Pediatrica presso Villa Mafalda, Roma

 

Apri Chat
Staff DreamCom
Ciao sono Sara 👋
Come posso aiutarti?